Articoli con tag: parole

Nei panni di V.

Per lungo tempo per me le cose non accadevano mai realmente se prima non erano minuziosamente riportate su di un pezzo di carta. Litri di inchiostro su quaderni colorati per spiegare a me stessa la realtà. Ho sempre faticato ad avere contatto con quello che mi accadeva. Ad un certo punto la vita ha iniziato ad andare terribilmente veloce e non sono più riuscita a raccontare a me stessa la mia versione dei fatti. Il momento esigeva una risposta rapida, un’azione precisa e veloce priva di troppe elucubrazioni mentali. Ho iniziato a correre,correre e correre senza fermarmi per quasi due anni. Correvo senza guardare dove stavo andando, ma era impossibile fermarsi un attimo ed alzare lo sguardo.

Ora sto ancora correndo, ma il passo è decisamente più lento. Ogni tanto mi viene in mente la frase “se ti fermi muori”, no se ti fermi inizi a pensare e forse è anche peggio. Insomma sono qui perché ho un po’ perso me stessa. Ho dimenticato come si fa ad essere me, dopo che ho passato due anni a rivestire un’ infinità ruoli che mutavano ancor prima che potessi crogiolarmici un pochino.  Qui, in questo spazio virtuale, c’è sempre V. che mi attende.  V. mi ha dato tanto, anzi mi ha permesso tanto: attraverso questo pseudonimo ho potuto essere me stessa come non lo ero mai stata. Ho potuto esprimermi apertamente, cosa che per me è un evento più unico che raro. In questo momento mi piange il cuore nel vedere quanta fatica faccio a scrivere: le dita e l’animo sono un po’ arrugginiti. Ma voglio provare a trovare il tempo e la costanza per essere di nuovo V. perché un po’ mi manca. Ho voglia di raccontarvi dei viaggi che ho fatto, delle cose che vedo qui in BlingBlingCity,di quanto sia difficile essere come me nel tipo di vita che sto vivendo.
Ho voglia di essere ascoltata.

V. (che si spera sia effettivamente tornata)

Annunci
Categorie: Think! | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , | 20 commenti

Le parole che scandiscono il tempo.

Nevica. Nevica ed è lunedì. Tutto ciò non fa una piega, effettivamente. Sono stanca,stanchissima. Ho passato una nottataccia e ora sono stanca morta. Scrivo,sebbene non abbia nulla di particolare da raccontare,perchè è la sola cosa che mi permette di non restare immobile,stagnante nel mio essere. Se il tempo fosse sostanza sarebbe un liquido vischioso,che scorre lento sulla nostra pelle,sul nostro corpo,in ogni orifizio. Quando non ci sarà più un singolo lembo libero,sarà allora,solo allora,che saremo morti.

Le parole hanno sempre scandito il tempo della mia vita. Parole lunghe come istanti,brevi come anni. Cascate di lettere,che divengono pensieri,sono intrappolate in decine di quaderni che, alla fine,sono diventati Vita. La mia. Ripesco parole e con esse ricordi-indiscibile connubio- e ritrovo me stessa,ritrovo tante me stessa. Siamo tutte diverse,magari anche per una sola virgola,ma tutte fatte d’inchiostro.

Non ho più scritto per un lungo periodo della mia vita. È stato un tempo privo non solo di parole,ma anche di me. Il vuoto è stato riempito dall’illusione di una vita finalmente reale e non fatta d’inchiostro. I minuti,le ore,i giorni,i mesi,gli anni sono rimasti, labili, solo nella mia mente,nessuna parola li protegge. E poi,cercando di riemergere da quel mondo che potevo toccare,ma che non raccontavo,sono arrivata qui. E scrivo.

Mi guardo indietro e trovo parole che fanno ancora male.

Abbandono.

Ansia.

Solitudine.

Il tempo imprigionato in quelle parole,è inciso indelebilmente sulla mia pelle.

Ma trovo anche dell’altro,nel miscuglio di giorni ed inchiostro.

Speranza. [Parola che ormai si è persa in quel tempo]

Futuro. Amicizia. Soddisfazione.

Forza. [Anche se all’epoca non ne ero del tutto consapevole]

E ora,se dovessi sceglire una sola,singola parola,quale sarei?

V.

Categorie: Think! | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 14 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.