Attraverso i tuoi occhi

Istanti di una vita impressi sulla carta. Colori opachi,sbiaditi dal tempo e dalla polvere mi raccontano storie della tua vita,storie che non mi hai mai raccontato. Con queste fotografie in mano,ritagli di vita,mi metto a guardare in un passato non mio. E ci ritrovo  ugualmente e sorprendentemente me stessa.

Ci sono volti che non conosco,indossano gli anni settenta sgargianti e ancora pieni di futuro. Sorridono dimentichi di chi li sta fotografando,presi da quel momento che ora durerà per sempre;che ora è tra le mie mani. Chi sono? Cosa ti hanno raccontato? Dove sono ora?

E vedo capelli biondi.Come i miei.

Praga,Londra,Lisbona,Parigi immortalate così quarant’anni fa mi sembrano le stesse città che ho visto anche io. Abbiamo visto gli stessi posti,pecorso le stesse strade separate solo dal tempo. Lontane,come lo siamo sempre state. I nostri occhi catturati dagli stessi colori e forme,le nostre mani strette in quelle di qualcun altro.

E i nostri capelli biondi.

Non è come guardarsi allo specchio,con te. Parliamo lingue nostre,spesso incomprensibili all’altra. È strano vederti indossare i miei anni mentre corri sulla spiaggia,seminando quel futuro doloroso che sembra rincorrenti. È strano vederti sorridere,essere te come io ora sono me.

Abbiamo visto lo stesso mondo,solo un po’ più giovane,solo un po’ più vecchio. E abbiamo sorriso nello stesso modo,prima che diventassi mia madre. E in quelle foto scolorite,siamo identiche.

V.

Categorie: Parole che sembrano racconti | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 18 commenti

Navigazione articolo

18 pensieri su “Attraverso i tuoi occhi

  1. bellissimo!

  2. Bel post V. Veramente🙂

  3. Incomprensibilmente noi donne siamo uguali alle nostre madri. Stessa espressione, stesso sguardo, forse un taglio di occhi leggermente diverso come quello del padre, o un fisico un po’ più asciutto. Stessi capelli, un taglio diverso, alla moda di oggi e di allora, ma due anime uguali e diverse fra loro, intrecciate in quello che si chiama filiazione. E quel legame, quella straordinaria amicizia strana a volte, che solo mamma e figlia possono avere.

  4. V. mentre leggevo visualizzavo, davanti a me, la mia mamma che di sabato mattina, qui a Roma, è tra i pensieri più belli che potessi regalarmi. Quanto mi sarebbe piaciuto stamattina prepararmi e incontrarti. Dimmi che giovedì verrai e sai già dove ti porterò. Quegli occhi, quel dolore, fors’anche quei capelli biondi…lasciali a casa. Non ti servirà altro.
    Buon sabato!!!
    A me oggi, spero, gira meglio :*

  5. I`m learning all about my life
    By looking through her eyes
    Cit. Dream Theater

  6. splendida riflessione davvero🙂

  7. altamarea14

    Bellissimo post, complimenti!

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: