Quelle cose che sono molto forti e incredibilmente vicine

Ho letto che è stata la carta a tenere acceso l’incendio nelle torri gemelle. Tutti quei quaderni, le risme di fogli per fotocopie, le stampate delle e-mail, le foto dei figli, i libri, i dollari nei portafogli e i documenti negli archivi. Erano combustibile. Forse se vivessimo in una società senza carte il mio papà sarebbe ancora vivo. Ho cercato le cartine e i disegni fino a trovare il corpo che cadeva.
Era papà? Forse.
Chiunque fosse, era qualcuno.
Ho strappato le pagine dal libro, le ho rimesse al contrario, in modo che l’ultima fosse la prima e la prima fosse l’ultima. Le ho sfogliate velocemente e sembrava che l’uomo stesse alzandosi in cielo.
E se avessi avuto altre fotografie, sarebbe volato dentro una finestra e dentro la torre e il fumo sarebbe stato aspirato nel buco da cui l’aereo stava per uscire. Papà avrebbe lasciato i suoi messaggi a rovescio finché la segreteria sarebbe stata vuota e l’aereo sarebbe volato all’indietro fino a Bos
ton. Papà avrebbe preso l’ascensore per scendere in strada e schiacciato il bottone per l’ultimo piano. Avrebbe camminato all’indietro fino al metrò e il metrò sarebbe andato indietro nel tunnel fino alla nostra fermata.
Papà avrebbe superato il tornello all’indietro e poi fatto sfilare al contrario la sua tessera della metropolitana e sarebbe tornato a casa camminando all’indietro mentre leggeva il “New York Time” da destra a sinistra.
Avrebbe sputato il caffè nella tazza, si sarebbe sporcato i denti e si sarebbe messo i peli in faccia con il rasoio. Sarebbe tornato a letto, la sveglia avrebbe suonato al contrario, e lui avrebbe fatto i sogni al contrario. Poi si sarebbe alzato alla fine della sera prima del giorno più brutto.
Sarebbe indietreggiato in camera mia fischiettando al contrario ‘I am the warlus’.
Sarebbe stato nel letto con me.
Avremmo guardato le stelle sul soffitto, che avrebbero allontanato la loro luce dai nostri occhi.
Io avrei detto: “Niente” alla rovescia.
Lui avrebbe detto: “Sì, pulce” alla rovescia.
Io avrei detto: “Papà?” alla rovescia, che non è così diverso da papà detto normalmente.
Mi avrebbe raccontato la storia del sesto distretto, dalla voce nel barattolo fino all’inizio, da “Ti amo” a “Una volta, ma tanto tempo fa…” e saremmo stati salvi.

J.S. Foer, Molto forte, incredibilmente vicino.

Ho aspettato l’occasione giusta per parlare di questo libro e oggi mi sembra perfetto. È una di quella storie che ti rende più ricco,che ti fa venire voglia di offondare le unghie nelle vita e lottare. E quando arrivi all’ultima pagina capisci che il vuoto che ti divora dentro è stato,almeno un po’,colmato.

Cosa sentite molto forte e incredibilmente vicino?

V.

Annunci
Categorie: Think! | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 10 commenti

Navigazione articolo

10 pensieri su “Quelle cose che sono molto forti e incredibilmente vicine

  1. La noia, il tedio, Lo Spleen. E il caldo.

  2. L’ho letto anche io e mi ha emozionato, tanto.

    Per la domanda, rispondo anche io lo spleen. Che racchiude tutto in una sola parola.

  3. Il film (con Tom Hanks?) me lo hanno consigliato in diversi, credo che darò un’occhiata sia a quello che al libro.
    E poi che rispondere alla tua domanda?
    Quello che ho vicino non so nemmeno io come descriverlo pienamente, è una specie di sentimento indefinibile, continuamente mutabile, a volte bello a volte brutto; che mi accompagna come una sorta di amico burbero, che a volte ti sta veramente sulle scatole ma non puoi fare a meno di volergli bene.

    • Anche il film é molto bello, ma ovviamente va letto prima il libro!ciò che hai,secondo me,é splendido.

  4. è il mio libro preferito, e l’11 settembre visto con l’innocenza di un bambino, di contro a quello che probabilmente è realmente successo (mi riferiscono alle cosìddette teorie complottistiche/comuniste), fa stringere il cuore.

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: