Where am I?Where am I?Where am I?

Sembra tutto tranquillo ora. Sento le risate dei vicini, le poche macchine passare, il rumore delle onde. Il mare è incredibilmente piatto, avrei voglia di correre in spiaggia e farmi un bagno.
Era un po’ che non avevo un attacco d’ansia. I miei sono bastardi, si preannunciano. Ma tu non ci vuoi credere,ignori i sintomi. Inizia come un peso sul petto, che posso trascinarmi dietro anche per tutta la giornata. Poi smette. Oggi ero in acqua e non riuscivo più a respirare. Mi ero dimenticata di quanto brutta fosse quella sensazione. L’aria non entra, non c’è verso. L’unico modo è non spaventarsi troppo e ricordarsi come si respira. Nella mente devo immaginarmi la mia gabbia toracica che si espande, i polmoni che si dilatano. Ci vuole qualche minuto, ma per lo più funziona.
Mi è rimasto quel peso sul petto. Ma domani passerà,si,passerà.
“Grigliata di fine estate: un anno dopo”. Inizierò a dare titoli di film più o meno inventati a frammenti della mia vita. Dicevo, la grigliata (per inciso sarebbe un horror), è stata fatta anche l’anno scorso. E mi ero pure divertita. Ora l’idea di sedermi e conversare, se così si può definire, con certi elementi (vecchi e nuovi, rispetto alla scorsa edizione) mi fa venir voglia di vomitare la carne che devo ancora mangiare. Lo so, lo so l’avevo già accennato nel post precedente,è che così è più splatter.
Prima o poi ricomincerò a scrivere cose meno depresse,ok?Ma io ho mai scritto cose non depresse?!
Ultimamente mi sono stati fatti complimenti davvero belli, come non me ne facevo da tempo. Mi ha fatto uno stranissimo effetto perché non erano complimenti sulle mie tette o sul mio culo. E a quel punto mi sono chiesta: ma io chi sono? Cioè cos’è che mi definisce,la mia essenza?
E la vostra?Cos’è che determina, una sola unica cosa, il vostro essere?
Io non lo so, non lo so più. Mi verrebbe da dire le parole, quelle scritte. Vorrei essere fatta di parole che scivolano sul mio corpo e ne determinano la forma.
Ma sono solo stupidate di una che legge troppo. La verità è che da tempo non so più chi sono e la cosa mi sta creando non pochi problemi.
Forse sono acqua, forse sono il rumore delle onde. Forse sono l’aria che non entra nei miei polmoni o i sorrisi dei bambini che tanto spesso mi sorridono. Forse sono uno sguardo lascivo, una parolaccia nell’orecchio, appena sussurrata. Forse sono donna, forse sono vuoto. Sono il profumo sulla tua pelle, sono il rumore di tacchi che battono sulla strada, sono pianto, sono segreto. Sono l’orgoglio negli occhi dei miei, ormai morto da tempo. Sono quel viso che mi osserva dallo specchio, incerto se credere a ciò che vede.
Sono V.
No, non sono V.

Categorie: Think! | Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , , , | 15 commenti

Navigazione articolo

15 pensieri su “Where am I?Where am I?Where am I?

  1. > E la vostra?Cos’è che determina, una sola unica cosa, il vostro essere?

    Indeciso tra il culopesismo e il pensiero. Ai posteri l’ardua sentenza.

  2. firesidechats21

    Sono da tempo convinto che siamo ciò che di volta in volta, giorno per giorno, ma anche attimo per attimo, decidiamo di essere. E il bello è che se vogliamo, possiamo concederci il lusso di non essere assolutamente nulla. Spesso è necessario, ci permette di tornare respirare.

    (Ansia sucks e ahimè so di cosa parlo -.-“)

  3. firesidechats21

    La fregatura è dipende sempre da noi.

  4. eklektike

    Torno alla civiltà (e ad internet) dopo un po’ e trovo questo post. Non so cosa sia successo nel frattempo, ma so che ce la puoi fare. Coraggio!

  5. KnockOut

    Penso che se non tutti, parecchi si fanno troppe seghe mentali, me compreso, naturalmente. Dimenticando che se possiamo farlo è perchè la salute, bene o dono preziosissimo che spesso o sempre sotto stimiamo assai, ci assiste.
    In altre parole se possiamo concederci il lusso di masturbarci è perchè il corpo, sano, chissà perchè deve trovare il modo di “inventarsi” falsi problemi. E non riflettere mai che i veri problemi sono quelli correlati alla perdita della salute .

    • Non ho mai detto che i miei problemi siano più seri di altri o abbia altrettanto seri problemi di salute. Però capita a volte che mi vengano queste crisi d’ansia e,anche se sicuramente sono frutto di seghe mentali come dici tu,non sono affatto piacevoli!

      • KnockOut

        Io ho solo scritto che, troppo spesso, tutti noi (me compreso e per primo), dimentichi del grande dono della salute ci lasciamo trasportare da “fantasticherie” che ci avvelenano inutilmente.
        E che, in altri casi, sono fonte persino di cattiverie e meschinità prive di senso.

        Basterebbe fermarsi un attimo e confrontarsi, confrontare con la vera sofferenza. Re-imparando ad apprezzare ciò che la vita ci ha generosamente donato.
        Penso vivremmo meglio e costruiremmo un mondo certamente migliore.

  6. solounoscoglio

    sai ogni tanto anch io ho mi chiedo chi sono, poi chiudo gli occhi e mi ricordo di essere la stessa bambina che correva sulla bici mezza rotta sulle strade piene di ciottoli, la ragazzina al primo giorno di scuola in una città nuova, la sposa all’altare che tremava di freddo più che di emozione, la mamma che si emoziona davanti il riso dei propri figli e comunque sempre me stessa con la mia voglia di vivere vivere vivere, nonostante gli scenari cambino rapidamente e talvolta dolorosamente.

  7. V. non deciderà mai di morire, finchè B. non deciderà di vivere.

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: