L’ inizio è solo l’altra faccia della fine.

Avete mai pensato di avere la vostra vita perfettamente sotto controllo? Di essere semplicemente al posto giusto, con le persone giuste senza dovervi mai chiedere “come farò?” . A me è capitato …per un breve periodo ho pensato di avere tutto ciò che desideravo. Nella mia mente si delineava il futuro in ogni piccolo dettaglio: non ne avevo paura, sapevo esattamente come sarebbero andate le cose. Almeno così credevo. Ma la vita, come le persone, riserva un sacco di sorprese. E allora tutte le tue sicurezze crollano. E un po’ crolli anche tu.

Questo blog vuole essere un punto di partenza per qualcosa di nuovo. Qualcosa che cercherò di costruire giorno per giorno senza illudermi che la felicità sia una meta definitiva, consapevole della sua fugacia.

Vorrei parlare di tutto ciò che mi piace, di tutto ciò che fa parte della mia vita e che nella realtà mi è difficile condividere con altri.

Benvenuti nella mia vita, benvenuti nella mia testa!

V.

Categorie: Think! | Tag: , , , | 16 commenti

Navigazione articolo

16 pensieri su “L’ inizio è solo l’altra faccia della fine.

  1. Mai provata una tale sensazione, tendo a subire gli eventi, quasi mai esercito il mio controllo sulle cose, purtroppo. Buona bloggata!

  2. Quindi, il 17 aprile 2012, sentivi che la vita ti sfuggiva dalle mani, improvvisamente, allora avevi i capelli lunghi (poi le ho cercate le foto più vecchie, eh…), ma i tuoi occhi erano sempre incredibilmente belli, al limite dell’imbarazzante.
    Poi ci sono state delle sorprese che ti hanno ricordato che, nelle nostre mani, nulla si ferma per sempre, o in un modo sempre uguale a sé stesso. E questo ti ha spiazzato, magari sei cascata, cadendo ti sei sporcata un po’, poi, quando ti sei tirata su, ti sei messa a guardare il mondo con uno sguardo un po’ diverso, e, leggendoti, mi pare che il modo con il quale hai cominciato a guardare il mondo, ecco, è un bel modo, proprio fico. Ora, dimmi, oggi, un anno e sei mesi dopo, cosa hai capito? Io, per esempio, ho capito che dalle nostre mani non sfugge nulla, no, resta solo quello che deve rimanere, tutto il resto era di passaggio. Ed è fantastico così. Adesso mi capita di chiudere gli occhi e aspettare che, semplicemente, certe cose succedano…
    A te?

    • Io sono caduta tante volte e mi sono frantumata. Mi stupisco sempre di come riesca,a poco a poco, a rimmettere tutti i pezzi assieme.Mai uguali all’ordine precedente. Ci sono state occasione in passato in cui credevo che non ce l’avrei fisicamente fatta,ma l’anno scorso è stato diverso. Non ero più me,non mi trovavo più e non sapevo dove cercarmi.Mi ci è voluto tanto e tante decisioni difficili per arrivare qui. E ho capito che si può sbagliare mio caro Erre,ho capito che la vita non è una strada dritta da percorrere sino alla morte,ma ci sono tante strade laterali,inesplorate,che ti possono portare chissà dove. Ho capito (anche se ti sembrerà una cosa ovvia) che di vita ne ho una sola e se non faccio certe cose ora non le potrò mai più fare,non posso aspettare di diventare quella che voglio,non posso mettermi in pausa. E hai ragione,resta solo ciò che deve restare,ciò che è importantante che resti.
      Scusa…ci sta venendo fuori un post non un commento!

      • Ti leggo “in diretta”, scusa? Peccato che tu abbia smesso di scrivere così presto…

      • Yes in diretta!
        Di scrivere pensieri sconclusionati non smetto mai!🙂

      • Non lo erano.

      • Non sono abituata a persone che mi capiscono

      • In genere frequenti persone che non lo fanno?

      • Generalmente no. Anche perchè non parlo mai di me

      • Il fatto di non parlare di sé stessi la trovo una cosa tenera. E, comunque, è affascinante scoprire la persona che abbiamo davanti, è la cosa più affascinate, non trovi?

      • Sicuramente. Però preferisco scoprire che scoprirmi.

      • Per paura?

      • Per paura e perchè le persone sono troppo prese da se stesse per ascoltare. Quindi io sono quella che ascolta. Tutti.

      • È molto importante anche essere ascoltati. Molto! Riguardo alla paura, ti capisco, ma va superata, dopo la paura non sai quante cose belle che ci sono. Poi sei già cascata, no? Peggio di quello non può succedere…

      • Ma non è che non ho nessuno che mi ascolta,solo che preferisco risolvere i pasticci nella mia testa pasticciando ulteriormete da sola!🙂
        Le cose belle per fortuna le conosco,sono rarissime ma ci sono.
        Sono caduta e a chi mi ha fatto lo sgambetto ho già tirato qualche calcio!

      • 😛

Dimmi cosa ne pensi!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: